Il mercante di Venezia

32. La misericordia è una
qualità divina
Il mercante di Venezia (1596-98)
di William Shakespeare
Insulti, calci e sputi
Scrivi di seguito il nome del
ragazzo scelto per interpretare
il ruolo in classe.
SHYLOCK:........................................
Bassanio, per corteggiare Porzia, ricca, bella e virtuosa signora di Belmonte, ha
bisogno di tremila ducati, che chiede al suo amico Antonio, facoltoso mercante
di Venezia. Questo chiede un prestito a Shylock, che Antonio ha sempre
disprezzato in quanto ebreo e usuraio, ma che ora gli è necessario. Il mercante
firma un documento con cui si impegna a restituire il denaro entro tre mesi,
altrimenti il creditore avrà diritto a una libbra di carne del suo corpo. Antonio
non riesce a pagare il debito entro il tempo stabilito e così Shylock rivendica la
sua libbra di carne. In tribunale arriva però Porzia -travestita da avvocato- che
cerca di convincerlo ad avere misericordia per il mercante. Ma poiché l’usuraio
non demorde, la nobildonna lo mette alle strette, usando le armi della legge.
A questo punto Shylock se ne torna a casa sconfitto e umiliato.
ATTO PRIMO - Scena terza
SHYLOCK Signor Antonio, molte volte a Rialto mi avete insultato per il mio denaro
e la mia usura. [...] Ebbene, ora sembra che abbiate bisogno del mio aiuto; ecco,
venite da me e dite: «Shylock, ci serve denaro».
Così voi dite: voi che sputaste il vostro catarro sulla mia barba, e mi prendeste a
calci così come scacciate un cane randagio dalla porta di casa, voi chiedete soldi
a me. Che cosa dovrei dirvi? Non dovrei dire: «Ha soldi un cane? E’ possibile che un
bastardo presti tremila ducati?»
Oppure dovrò curvarmi, e con voce da schiavo, col fiato mozzo, con umiltà bisbi-
gliante, dire: «Mio buon signore, mercoledì scorso mi sputaste addosso, in tale
giorno mi prendeste a calci, un’altra volta mi chiamaste cane: e per queste corte-
sie vi presterò tanto denaro?»
(W. SHAKESPEARE, Il mercante di Venezia, Feltrinelli, Milano 1992, pp. 31-33)
1. In un passo tratto dal Discorso della Montagna, Gesù parla dell’insulto e del disprezzo come di colpe molto gravi,
paragonabili, in un certo senso, all’omicidio.
«Avete inteso che fu detto agli antichi: Non ucciderai; chi avrà ucciso dovrà essere sottoposto al giudizio. Ma io vi
dico: [...] chi dice al fratello: “Stupido”, dovrà essere sottoposto al sinedrio; e chi gli dice: “Pazzo”, sarà destinato al
fuoco della Geènna». (Mt 5,21-22).
Alla luce di questo passo del vangelo possiamo affermare che:
A. Shylock, in quanto usuraio, merita il disprezzo di Antonio.
B. Shylock dovrebbe lamentarsi di meno ed essere più generoso con il prossimo.
C. Antonio non ha motivo di sentirsi in colpa, perché sicuramente Shylock non dice la verità.
D. Antonio, essendo un cristiano, non dovrebbe disprezzare Shylock per nessun motivo.
2. Shylock è disprezzato per la sua religione e per la sua professione. Per quali motivi le persone vengono disprez-
zate nella nostra società? .............................................................................................................................................................................
.............................................................................................................................................................................................................................
.................................................................................................................................................................................................................
I valori cristiani nelle Beatitudini — Il Perdono — 32. La misericordia è una qualità divina
1
Shylock rivendica la sua
dignità e il diritto di
vendicarsi
Scrivi di seguito i nomi dei
ragazzi scelti per interpretare i
ruoli in classe.
SHYLOCK:.........................................
NARRATORE:....................................
ATTO TERZO - Scena prima
NARRATORE Un amico di Antonio chiede a Shylock che cosa se ne faccia di
una libbra di carne.
SHYLOCK A far esche per i pesci - se non nutrirò nient’altro, nutrirò la mia
vendetta. Mi ha svillaneggiato, mi ha fatto andare in malora mezzo milione,
ha riso alle mie perdite, schernito i miei guadagni, disprezzato il mio
popolo, rovinato i miei affari, raffreddato i miei amici, infiammato i miei
nemici - e per quale motivo? Perché sono Ebreo. Un Ebreo non ha occhi? Un
Ebreo non ha mani, organi, membra, sensi, affetti, passioni? Non è nutrito
dallo stesso cibo, ferito dalle stesse armi, soggetto alle stesse malattie, gua-
rito dalle stesse medicine, riscaldato e raffreddato dallo stesso inverno e
dalla stessa estate di un Cristiano? Se ci pungete, noi non sanguiniamo? Se
ci fate il solletico, non ridiamo? Se ci avvelenate, non moriamo? E se ci fate
un torto non dobbiamo vendicarci? Se siamo come voi nel resto, somiglie-
remo a voi anche in quello. Se un Ebreo fa un torno a un Cristiano, qual è la
sua benevolenza? La vendetta! Se un Cristiano fa un torto a un Ebreo, quale
dovrebbe essere la sua tolleranza, secondo l’esempio cristiano? Ebbene, la
vendetta! La malvagità che voi mi insegnate, io la metterò in atto e sarà dif-
ficile che non faccia meglio dei miei maestri.
(W. SHAKESPEARE, Il mercante di Venezia, Feltrinelli, Milano 1992, pp. 91-93)
3. Shylock pronuncia qui uno dei discorsi più belli e famosi della storia del teatro. Inserisci sui puntini le parole
mancanti, cercandole nel brano appena letto.
“Antonio mi ha insultato, ha riso delle mie perdite, ha schernito i miei guadagni, ha _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ il mio
popolo, mi ha messo contro i miei _ _ _ _ _ _. E per quale motivo? Perché sono un _ _ _ _ _. Un Ebreo non ha forse
mani, organi, affetti e passioni come qualsiasi altro essere umano? Se ci pungete, noi non _ _ _ _ _ _ __ _ _ _? Se ci
fate il solletico, non ridiamo? E se ci fate un torto, non dobbiamo _ _ _ _ _ _ _ _ _ _?”
4. Shylock parla del disprezzo che subisce e della vendetta che intende attuare. Ha torto o ragione?
Esprimi un tuo giudizio al riguardo. .........................................................................................................................................................
..............................................................................................................................................................................................................................
..............................................................................................................................................................................................................................
..............................................................................................................................................................................................................................
..............................................................................................................................................................................................................................
2
I valori cristiani nelle Beatitudini — Il Perdono — 32. La misericordia è una qualità divina
La misericordia è l’unica
possibilità di salvezza
Scrivi di seguito i nomi dei
ragazzi scelti per interpretare i
ruoli in classe.
SHYLOCK:.........................................
NARRATORE:....................................
PORZIA:.............................................
ANTONIO:.........................................
BASSANIO:........................................
DOGE:................................................
ATTO QUARTO - Scena prima
NARRATORE Shylock rivendica in tribunale la sua libbra di carne. Bassanio
gli offre 6000 ducati, ma lui li rifiuta. Arriva Porzia travestita da avvocato.
PORZIA Allora l’Ebreo dovrà usarvi misericordia.
SHYLOCK Per quale obbligo? Spiegatemi questo.
PORZIA La natura della misericordia non si può forzare, cade come la piog-
gia gentile dal cielo sulla terra in basso: è due volte benedetta, benedice
colui che la esercita e colui che la riceve, è potentissima tra i potenti, si
addice al monarca in trono più della sua corona. Il suo scettro mostra la
forza del potere temporale, attributo del rispetto e della maestà, e in esso
risiede il terrore che incutono i re. Ma la misericordia è al di sopra di questo
potere scettrato, essa ha il suo trono nei cuori dei re, è un attributo dello
stesso Dio; e il potere terreno appare più simile a quello di Dio quando la
misericordia tempera la giustizia. Perciò, Ebreo, sebbene giustizia sia ciò
che chiedi, considera questo, che seguendo giustizia nessuno di noi
vedrebbe salvazione: noi chiediamo misericordia e quella stessa preghiera
insegna a noi tutti a compierne gli atti. Tutto questo ho detto per attenuare
il rigore della tua richiesta. Ma se persisti, questa corte severa di Venezia
deve pronunciare di necessità una sentenza contro questo mercante.
SHYLOCK Le mie azioni ricadano sul mio capo! Invoco la legge, la penale e il
mio contratto.
PORZIA Non è in grado di restituire il denaro?
BASSANIO Sì, lo verso io alla corte, per lui, sì, due volte quella somma - e se
non basta m’impegno a pagare dieci volte tanto. [...]
NARRATORE Shylock rifiuta di nuovo i soldi di Bassanio.
PORZIA Ebbene, questo contratto è scaduto e con diritto l’Ebreo può recla-
mare una libbra di carne, da lui tagliata nel posto più vicino al cuore del
mercante: abbi misericordia, prendi tre volte il tuo denaro, chiedimi di
strappare il contratto. [...]
SHYLOCK Sulla mia anima giuro che non c’è potere nella lingua dell’uomo
che mi possa mutare - mi attengo al mio contratto.
ANTONIO Con tutto il cuore prego la corte di pronunciare la sentenza.
PORZIA Così sia, dunque - voi dovete presentare il petto al suo coltello.
SHYLOCK O nobile giudice! Giovane eccellente!
PORZIA L’intento e il fine della legge, infatti, sono in pieno favore della
penale dovuta secondo il contratto.
SHYLOCK E’ vero, è vero! O giudice saggio e onesto, quanto sei più vecchio
di come appari!
PORZIA Perciò denudate il petto.
SHYLOCK Sì, il petto, così dice il contratto. Non è vero, nobile giudice? “Nel
posto più vicino al suo cuore” - sono queste le parole esatte.
PORZIA È così. - C’è una bilancia per pesare la carne?
SHYLOCK Ce l’ho pronta.
PORZIA Shylock, chiamate a vostre spese un chirurgo, che gli chiuda la
ferita, perché non sanguini a morte.
SHYLOCK Dice così il contratto?
PORZIA Non esplicitamente, ma che importa? Sarebbe bene che lo faceste
per carità.
SHYLOCK Non lo trovo, non è nel contratto. [...]
NARRATORE Antonio, pronto a morire, saluta Bassanio e gli chiede di ricor-
dare per sempre il suo grande affetto per lui.
PORZIA Una libbra della carne di questo mercante è tua: la concede la
corte, la dà la legge.
SHYLOCK Giustissimo giudice!
PORZIA E questa carne tu devi tagliarla dal suo petto: lo consente la legge,
I valori cristiani nelle Beatitudini — Il Perdono — 32. La misericordia è una qualità divina
3
lo concede la corte.
SHYLOCK Dottissimo giudice! Che sentenza! Su, prepàrati!
PORZIA Aspetta un momento, c’è qualche altra cosa - Questo contratto non ti dà una sola goccia di sangue, le
parole sono espressamente: “Una libbra di carne.” E dunque esigi la tua penale, prenditi la tua libbra di carne, ma
se tagliandola verserai una sola goccia di sangue cristiano, le tue terre e i tuoi beni saranno, secondo le leggi di
Venezia, confiscati in favore dello stato veneziano. [...]
SHYLOCK È questa la legge?
PORZIA Vedrai tu stesso il testo: poiché esigi giustizia, sta’ sicuro che avrai più giustizia di quanta ne vuoi. [...]
SHYLOCK Prendo quell’offerta, allora - pagate la penale tre volte, e liberate il Cristiano.
BASSANIO Ecco il denaro.
PORZIA Piano! L’Ebreo avrà giustizia per intero - Piano, senza fretta! Non avrà altro se non la penale. [...] Prepàrati
perciò a tagliar via la carne - ma non versare sangue e non tagliare di più o di meno di una libbra di carne: se
prendi di più o di meno di una libbra esatta, foss’anche quanto basti a farla appena più leggera o più pesante,
oppure la frazione della ventesima parte d’un misero grammo, sì, se la bilancia pende per il peso d’un solo capello,
tu allora muori e tutti i tuoi beni vengono confiscati. [...] Perché l’Ebreo si ferma? Prenditi il dovuto.
SHYLOCK Datemi il capitale e lasciatemi andare.
BASSANIO Eccolo, è qui pronto.
PORZIA Lo ha rifiutato davanti alla corte: avrà soltanto giustizia e il suo contratto. [...]
SHYLOCK Non posso avere il mio solo capitale?
PORZIA Non avrai altro se non la penale da incassare a tuo rischio, Ebreo.
SHYLOCK Che il diavolo allora gliene faccia buon pro’! Ho finito di discutere.
PORZIA Aspetta, Ebreo, la legge ha un altro appiglio contro di te. Nelle leggi di Venezia è scritto che, se risulta che
uno straniero in modo diretto o indiretto minaccia la vita di un qualsiasi cittadino, colui contro il quale ha cospirato
entra in possesso di metà dei suoi beni, mentre l’altra metà passa all’erario dello stato e la vita del colpevole è affi-
data soltanto, contro ogni altra voce, alla misericordia del Doge. E in questa situazione, dico, ti trovi tu: appare
manifesto, infatti, che indirettamente, e anche direttamente, tu hai tramato contro la vita stessa dell’imputato,
incorrendo così nel crimine che prima ho menzionato. In ginocchio, perciò, e chiedi misericordia al Doge. [...]
DOGE Affinché tu possa vedere la differenza del nostro animo, io ti rimetto la vita prima che tu la chieda. Poiché
metà della tua ricchezza è di Antonio e l’altra metà viene al tesoro dello stato, la tua sottomissione può portare a
un’ammenda.
PORZIA Per quel che concerne lo stato, non per Antonio.
SHYLOCK Prendetevi la mia vita, e tutto, non rimettete niente. - Voi mi prendete la casa quando vi prendete il pun-
tello da cui la casa è sostenuta. Voi mi prendete la vita quando vi prendete i mezzi con cui vivo.
PORZIA Quale misericordia potete usargli, Antonio? [...]
ANTONIO Se a Monsignore il Doge e a tutta la corte piacerà di ridurre l’ammenda alla metà dei suoi beni, io sarò
contento: ma l’altra metà dovrà lasciare che sia io ad amministrarla, affinché alla sua morte io possa darla a quel
gentiluomo che ultimamente gli ha rubato la figlia. E altre due cose: che per questa grazia lui si faccia subito Cri-
stiano; e poi, che in questa stessa corte registri la donazione di tutto ciò che possiederà alla morte in favore di suo
figlio Lorenzo e di sua figlia.
DOGE Farà tutto questo, o io ritirerò il perdono che ho appena promulgato.
PORZIA Ti accontenti, Ebreo? Che cosa dici?
SHYLOCK Mi accontento.
PORZIA Cancelliere, stendete un atto di donazione.
SHYLOCK Vi prego, datemi il permesso di andare via da qui - non mi sento bene - mandatemi l’atto e io lo firmerò.
(W. SHAKESPEARE, Il mercante di Venezia, Feltrinelli, Milano 1992, pp. 147-165)
4
I valori cristiani nelle Beatitudini — Il Perdono — 32. La misericordia è una qualità divina
Comprensione del testo
6. Metti le sequenze in ordine cronologico, usando i numeri da 1 a 8.
... Shylock pretende una libbra di carne come penale, in caso di mancato pagamento del debito.
... Antonio chiede tremila ducati a Shylock.
... Scaduto il contratto, Shylock rivendica la libbra di carne.
... Antonio ha sempre disprezzato Shylock, insultandolo e sputandogli addosso.
... Shylock non dà ascolto a Porzia e si appresta a incidere il petto di Antonio.
... Bassanio, per corteggiare Porzia, ha bisogno di 3000 ducati che chiede ad Antonio.
... Porzia cerca di far riflettere Shylock sulla necessità per tutti di esercitare la misericordia.
... La legge, tanto invocata da Shylock a suo favore, si ritorce contro di lui: l’usuraio è sconfitto e umiliato.
7.Chi potrebbe aver detto queste frasi? Scegli tra:
BASSANIO - ANTONIO - SHYLOCK - DOGE - PORZIA
1...................
2...................
Shylock deve diventare Ti faccio la grazia di
cristiano.
lasciarti vivere
3...................
4...................
5...................
La misericordia è Sono
disposto
a Voglio giustizia.
una qualità divina. pagare qualsiasi cifra.
8. Oltre alla misericordia, quali tematiche emergono nei brani che abbiamo letto?
Scegline 7 tra le 12 elencate:
1. L’amicizia   
7. La vendetta   
2. Il razzismo   
8. La legge   
3. La pace   
4. Il tradimento      5. L’odio        
9. Lo schiavismo     10. Il denaro   
11. L’invidia   
6. La rivalità tra fratelli
12. La giustizia
9. Antonio e Shylock hanno entrambi delle ragioni da difendere ma commettono anche gravi errori e assumono
dei comportamenti che non possiamo approvare. Quali sono le ragioni e i torti dei due personaggi?
Ragione
Torto
Antonio ....................................................................................... ...............................................................................................
       ....................................................................................... ................................................................................................
Shylock ....................................................................................... ...............................................................................................
       ....................................................................................... ...............................................................................................
I valori cristiani nelle Beatitudini — Il Perdono — 32. La misericordia è una qualità divina
5
Il Vangelo e la misericordia
Passo

no
10. Indica con una crocetta se i passi del vangelo hanno attinenza a livello tematico
con i brani de Il Mercante di Venezia che abbiamo letto. Per quelli che hanno atti-
nenza (che sono 4) spiegane il motivo.
Se sì, indica qual è il tema in comune con Il Mercante di Venezia
1. Mt 6,1-4 ................................................................................................................................................................
2. Mt 13,44-45 ................................................................................................................................................................
3. Mt 5,38-39 ................................................................................................................................................................
4. Mt 7,13-14 ................................................................................................................................................................
5. Mt 5,43-45 ................................................................................................................................................................
6. Lc 6,36 ................................................................................................................................................................
7. Mc 9,33-37 ................................................................................................................................................................
8. Mt 12,1-8 ................................................................................................................................................................
11. All’inizio dell’Atto Quarto Porzia fa un bellissimo elogio della misericordia, dan-
done anche un’ottima descrizione. Cerca nel testo le parole di Porzia che esprimono
le 5 caratteristiche elencate nella tabella.
Le parole di Porzia
È un sentimento libero. ..................................................................................................................................................
Nasce dal cuore. ..................................................................................................................................................
È un bene sia per chi la riceve, sia..................................................................................................................................................
per chi la esercita.
È il simbolo del potere di Dio,..................................................................................................................................................
mentre lo scettro è il simbolo del
potere del re.
Tutti ne abbiamo bisogno, per-..................................................................................................................................................
ché senza di essa nessuno si
salverebbe.
6
I valori cristiani nelle Beatitudini — Il Perdono — 32. La misericordia è una qualità divina
Per l’insegnante
Riferimenti bibliografici
W.SHAKESPEARE, Il Mercante di Venezia. Traduzione e cura di A. Lombardo, Fel-
trinelli, Milano 1992.
1. Risposta D.
3. I termini, nell’ordine, sono: disprezzato, nemici, ebreo, disprezzato,
sanguiniamo.
6. L’ordine corretto è: 4, 3, 5, 1, 7, 2, 6, 8.
7. L’ordine è: 1-Antonio, 2-Doge, 3-Porzia, 4-Bassanio, 5-Shylock.
8. Le risposte corrette sono: 1, 2, 5, 7, 8, 10, 12.
10. I passi attinenti sono: 3, 5, 6, 8.
I valori cristiani nelle Beatitudini — Il Perdono — 32. La misericordia è una qualità divina
7